La bicicletta ...

"La bicicletta richiede poco spazio. Se ne possono parcheggiare diciotto al posto di un auto, se ne possono spostare trenta nello spazio divorato da un unica vettura. Per portare quarantamila persone al di là di un ponte in un ora, ci vogliono dodici corsie se si ricorre alle automobili e solo due se le quarantamila persone vanno pedalando in bicicletta"
Ivan Illich "elogio della bicicletta"

mercoledì 5 novembre 2014

# BASTAMORTINSTRADA FLASH MOB DOMENICA 9 NOVEMBRE ORE 15.45 DAVANTI ALLA CHIESA DI SAN JACOPO IN ACQUAVIVA

Secondo l’ultimo rapporto ACI – ISTAT nel 2013 si sono registrati in Italia 181.227 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti ammonta a 3.385, quello dei feriti a 257.421. Un lieve miglioramento rispetto all’anno precedente ma c’è ancora molto da fare.
Il 75% degli incidenti avvengono in ambito urbano!! dove i pedoni, i ciclisti ed i conducenti di scooter sono le principali vittime.
Nel 2013 sono morti 549 pedoni e 249  Ciclisti. Nella sola Livorno nel 2012 abbiamo contato 31 vittime di incidenti stradali.
Ogni città d'Italia è chiamata a manifestare con un flash-mob, un sit-in per richiamare l'attenzione di media e amministratori sulla necessità di intervenire per portare a zero il numero delle vittime della strada. 
Per farlo occorre portare a 30 km orari il limite di velocità nei centri urbani ed incentivare massicciamente l’invasione delle strade da parte di pedoni e ciclisti riducendo l’uso dell’auto privata.
L’evento di domenica 9 novembre 2014 sarà una grande occasione per tutti i cittadini dotati di sensibilità civica che vogliono squarciare la spessa coltre di indifferenza che copre il gigantesco e tragico fenomeno della strage stradale.
Tutta l’Italia sarà unita da un ideale filo rosso che legherà strade e piazze dove si manifesterà sotto lo slogan #Bastamortinstrada per richiamare gli irresponsabili responsabili delle istituzioni ai loro doveri fino a questo momento colpevolmente disattesi.
Queste gravi inadempienze costano a tutta la popolazione lutti e dolori devastanti ma anche un danno economico di dimensioni immani quantificabili in circa 40 MILIARDI di euro all’anno bruciati in costi attinenti all’incidentalità stradale.
A LIVORNO ritrovo in bicicletta o a piedi, davanti alla chiesa di San Jacopo in Acquaviva, alle ore 15.45, ognuno con un lenzuolo bianco.
Al suono di un fischio, stendiamo parte del lenzuolo, ci adagiamo la nostra bici e ci si copre con il lenzuolo “morendo simbolicamente sull'asfalto” come le (troppe) vittime della strada. Dopo 1 minuto ci si rialza al suono di un fischio. La rappresentazione della morte deve visivamente contrastare la scarsa rilevanza del fenomeno a livello mediatico, spesso relegato a fondo pagina della cronaca cittadina.

Nessun commento:

Posta un commento